Alessandro Unali

 

Lui, il 2 di lui e la sua 3: nel gioco del caos apparente richiamano all’ordine. I suoi viaggi virtuali sono costellati di frammenti di reale; schegge, ora linee, curve, o punti, le armi per la conquista della sua forma compiuta. Alla ricerca costante di una materialità forte, il sasso diviene punto di partenza e d’arrivo, in un turn round in cui l’antecedente diviene segno del conseguente.

Barbara Sampoli

 

Logicamente Logica. Il suo mondo è un cubo: la scatola in cui custodire l’ordine e la razionalità. D’improvviso l’angolo retto si piega e le forme s’arruffianano.

Nella logica del gioco la composizione architettonica diventa regola, regola da infrangere.

L’ordine è il piacere della ragione; ma il disordine è la delizia dell’immaginazione.